PRIMA TV IN CHIARO

I delitti del BarLume

Mercoledì 27 Dicembre 2115

UN NUOVO OMICIDIO

Nella piccola cittadina di Pineta si ritorna ad indagare!

Tornato, nella quarta stagione, le avventure di Massimo Viviani (Filippo Timi), un barista toscano un po’ burbero, che si rifiuta di fare un cappuccino dopo le 3 di pomeriggio e vorrebbe solo starsene tranquillo dietro il bancone del suo BarLume.

Il problema è che Pilade (Atos Davini), Aldo (Massimo Paganelli), Gino (Marcello Marziali) ed Emo (Alessandro Benvenuti), i quattro più irriducibili e attempati clienti del bar, non hanno le bocce o la briscola come hobby ma gli omicidi!

Da bravo “barrista” Massimo finisce sempre per “impicciarsi” dei fatti altrui e con un intuito che somiglia molto al fiuto di un detective, finisce sempre per trovare, nelle conversazioni al limite della rissa della sua personale squadra di investigatori ottantenni, l’indizio giusto per risolvere il caso e trovare l’assassino che ogni volta sconvolge Pineta, il tranquillo paesino che ospita la scena.
Riuscirete a essere più abili e svelare il mistero prima dell’improbabile team del BarLume?
Tra una battuta in toscano e un’investigazione non proprio ortodossa, le risate si alternano alla tensione in questa imperdibile serie.

Nell’episodio “Aria di mare”, in onda il 20 dicembre, il BarLume si trova ancora in difficoltà. I clienti sono pochi, i debiti aumentano e Massimo si consola sempre più con gli alcolici. Anche per la Fusco le cose non vanno affatto bene perchè, rimpiazzata dal commissario Tassone, si ritrova con un incarico di poco conto e per niente gratificante. Quando viene ritrovato il corpo di Tiziana, la Fusco ha possibiltà di riscattarsi cercando il colpevole dell'omicidio. 

Nell'episodio "La Loggia del Ginghiale", in onda il 27 dicembre, Massimo è molto giù di morale perchè vede Tiziana sempre più irraggiungibile. I vecchietti del BarLume, per farlo divertire, lo trascinano in un addio al celibato organizzato dalla Loggia del Cinghiale. Purtroppo, anche questa volta, ci scappa il morto e il colpevole si nasconde tra i partecipanti della festa. Il maggior indiziato è proprio Massimo che, a causa di degli antidepressivi presi e dei molti cocktail bevuti, non ricorda nulla della serata.